Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on nov 13, 2010 in Blog, Cinema | 0 comments

Filantropica (2002),  un film sulla Romania?

Filantropica (2002), un film sulla Romania?

filantropica.jpgIn una Bucarest popolata da mendicanti di professione, artisti papponi, scrittori falliti e poeti di strada, Filantropica dipinge il ritratto di una città ed una società dai mille contrasti in cui alle auto e ristoranti di lusso si alternano quartieri poveri, bambini di strada, cani randagi e straccioni.

Giocando con i ben noti clichés sulla Romania, il regista Nae Caranfil intende svelare in modo efficace ed ironico ciò che si nasconde in realtà dietro il popolo degli “accattoni” che sfilano ogni giorno davanti i nostri occhi: personaggi come Pavel Puiut il quale attraverso un’organizzazione pseudo-criminale chiamata Filantropica si arricchisce sfruttando il business della povertà e dell’elemosina.

Mâna întins? care nu spune o poveste nu prime?te poman?!” (la mano tesa che non racconta una storia non riceve l’elemosina)

dirà più volte Domnul Puiut ripetendo la battuta-chiave del film a Ovidiu, uno squattrinato professore di liceo ed aspirante scrittore, che per tentare di conquistare una vedette televisiva di terz’ordine, cadrà nelle mani di questo grande burattinaio. Una storia da raccontare, uno sguardo da impietosire, una coscienza da colpevolizzare: Pavel sa bene come utilizzare in modo strategico i meccanismi delle persuasione per guadagnare soldi.

Agli occhi di scrive, Filantropica non è un film sulla Romania o almeno lo è solo in parte. Di certo la storia è perfettamente calata nella realtà di un paese in cui dopo la fine del comunismo, le storture e le aberrazioni del modello capitalista hanno scavato profonde diseguaglianze e prodotto enormi contraddizioni. Personaggi come il “simpatico”, ricco figlio di papà che frequenta le università private e che non conosce nemmeno il prezzo di un biglietto dell’autobus popolano realmente i locali VIP della capitale. Le grandi multinazionali straniere, che hanno letteralmente invaso un paese in pieno boom economico, sono oramai onnipresenti come la fittizia “Domydent” che nel film sponsorizza feste ed eventi mondani e passa di continuo spot in televisione. Allo stesso modo il protagonista Ovidiu è il degno rappresentante di molti impiegati statali rumeni che nonostante un lavoro decoroso, non possono permettersi di andare in ristoranti in cui il conto equivarrebbe in pratica al loro stipendio.

Filantropica è, tuttavia, molto di più: è una pellicola che avrebbe potuto essere ambientata ovunque poiché racconta una realtà vicinissima a tutti noi, quella del mondo degli straccioni che mendicano ai nostri semafori, nel centro e nelle stazioni delle nostre città; un popolo che, come mostra bene il film, è spesso vittima o complice di racket criminali diretti da individui ben più inquietanti del caricaturale personaggio interpretato dal grande Gheroghe Dinica.

Trailer in versione originale di Filantropica

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>