Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on nov 13, 2010 in Musica | 0 comments

Povestea nu mai merge mai departe… Vama Veche tra mare e musica

Povestea nu mai merge mai departe… Vama Veche tra mare e musica

Fericire-i când raza de soare intr? în cort ?i î?i mângâie fa?a…Aeru-i s?rat (La felicità è quando il raggio di sole entra nella tenda e ti accarezza il viso… l’aria è salata)

C’era una volta un luogo dimenticato dal mondo, accarezzato dal sole e bagnato dalle onde del mare. È detto vama (frontiera) sebbene sia un luogo f?r? v?mi (senza frontiere). Senza frontiere e senza regole, con persone semplici che sanno vivere di gioie insignificanti.

 

C’era volta un gruppo che sapevo cantarLo. Così bene che appena ascoltandolo eri già là. Nisipul m? va s?ruta ?i el, o scoic? o s? m? zgârie în mâna dreapt?, algele or s? m? gâdile ni?el (la sabbia mi bacierà anche lei, una conchiglia mia graffierà nella mano destra, le alghe mi solleticheranno un pochino)… versi semplici che catturano momenti e sentimenti sepolti qualche parte in un angolo dell’anima. Accordi che ci riportano in luoghi in cui vorremmo sempre ritornare.

Suntem numai noi doi…?i marea (siamo solo noi due… e il mare)

 

Vama Veche è un viaggio, nel tempo e nello spazio. Un tempo dell’amore, uno spazio di evasione. Amore folle quando Lui î?i alearg? prin vene (corre nelle tue vene) e il tuo corpo diviene ?oseaua lui spre infinit (la tua strada verso l’infinito). Mare di cui ti innamori ogni estate, quando non sopporti più la città e gli automatismi della vita quotidiana e ceru-?i spune ‘Fugi!’ c? eu pl?tesc (il cielo ti dice ‘scappa che pago io’). Con Vama Veche ti scopri, ingenuo e pieno di sogni, a soli 18 anni quando respiri iubire, m?nânci iubire ?i îi molipse?ti pe to?i (respiri l’amore, mangi l’amore e lo contagi a tutti)… Poi amando con passione, un animo sensibile in un uomo talvolta rude, in un viaggio verso il mare, pe autostrad? la Fete?ti (sull’autostrada a Fetesti), o într-un pat de femeie frumoas? (in un letto di bella donna). Più tardi, stesso tè. Questa volta cresciuto con la vita, senza voglia, con moglie e due figli, indifferente, dimenticando ciò che hai…

Pentru mine un an nu e mult… (per me è anno non è tanto…)

 

Allo stesso tempo, Vama Veche è una protesta. È la voce di quegli uomini che, troppo giovani, hanno trovato la morte per il cosiddetto “dovere”, nel tempo in cui il servizio militare era ancora obbligatorio e le condizioni inumane spingevano a porre fine ai propri giorni. È la voce di coloro i quali sono partiti per a se întoarce b?rba?i (ritornare uomini), ma che non cel’hanno fatta. Per loro un anno è stato troppo lungo…

In loc de “Epilog” (Al posto di “Epilog)

 

C’era una volta Vama Veche, un luogo, un gruppo… un luogo alla frontiera (vama), un gruppo oggi vecchio (veche). È rimasto solo uno stato d’animo e una musica che non finirà d’incantare le nostre orecchie.

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>